giovedì 21 luglio 2011

Sanchez & Myrick? No, Kubrick & Kubrick!


ULTIMO UPDATE: HIER!
C'era una voce dentro di me che mi diceva: Taglialo! Taglialo! (Vivian B.)

Eye M With Stupid
Se non capisci questo, lascia perdere…
Viviana la vandala
Viviana is awaiting moderation
Uappi sappi, zukke, yo!
OH-OH-OH
Viviana ritardata
Rue de M
La teoria dello spettro
Libere associazioni
Tu che non capisci Viviana
Stanley Speaks
Di cinema non capisco niente, però di musica…
Psycho Billy, qu'est-ce que c'est?
HENRY
Uhm… Uhmm… Uhmmm… Uhmmmm… Uhmmm… Uhmm… Uhm…
Zbig Rybczyński's Tinker Bell
We are Buono!
Il misterioso caso dell'appendiabiti
fragoloso VAFFANCULO
EL TOPO!
Sherlock
O, KATHY…
O, Madeleine…
Vivy a quattro dimensioni
Our vacation in Mytilene
ARRIVANO I SERIAL KILLER!
Subliminal Elvy (ce l'ha con me?…)
Subliminal RRoby (ce l'ha con me?…)
LE STREGHE SON TORNATE!!!
Il mio amico RRoby
ZIGGI!!!
È raro come un'eclissi, come una nevicata in agosto. Stop!
Belle da impazzire
di Corrado Belli
CAMPAGNA CHOC PRO-VIVI
Tunnel of Love
Hiroshima Vaffanculo
LA VENDETTA DI RROBY (sono fantastica!)
hastalavivi


SCRIVO A JAN HARLAN (SPOILERS):
Goodmorning, Mr. Harlan. Sorry if I disturb You and, above all, sorry for my bad English. I am an Italian girl with a great-great-great passion for Kubrick's movies, particularly-particularly for Eyes Wide Shut. Maybe I'm mad, I don't know, but I believe that EWS is in some strange (not so strange) way connected with The Blair Witch Project. To be totally honest, I think that the Sanchez/Myrick's presumed work was secretly written, edited and (peut-être) directed by Stanley Kubrick and that it was hiddenly produced by no other than You. So, Mr. Hallorann, I'm asking You: what is the truth? (I know the truth) I would be honored if You would be honored to answer this bad girl's dilemma. Many-many thanks for the attention and… goodbye.

JAN RISPONDE:
You You You are mad.

(Vi piacerebbe, eh, scemi?)




NON È UNA GOLIAR-DADA, NON È UNA SCIA-RADA


Oggi mi va distruggere un mito ceramico per consolidarne uno granitico. Oggi voglio essere schietta e vacca, niente giochini (no games, Viviana). Tieniti forte, lettore; aggrappati alla sedia, argenteo sudario delle mie trite cose scarlatte, perché il tuo universo micragnoso, fatto di viscere e frattaglie e urla e sangue, e qualche traccia RIS di materia grigia, sta per essere deturpato, sfregiato, forever sverginato (esagerata) dal tuo eburneo Boccionero.


Ieri, incoraggiata da un'amica plebea a vincere l'aristocratico imbarazzo, mi sono gettata a taricone (dice lei) in quella che ai pre-occhi viziati di questa cagnetta da salotto si presentava come null'altro che un'orgetta evanescente di tristo orrore adolescente: The Blair Witch Project. Stavo lì accucciata col mio secchio virginale, quando, già in ouverture, le mie antenne di aragosta degli abissi si rizzavano nella impudica percezione di un di più che, in 11 e passa anni di sollazzo VHS e DVD, ai più era sfuggito. In rete non un cenno: il segreto ha tenuto! Ancora per poco, Stanley…

EDIT: "Ancora per poco, Stanley…". Ero giovane e ingenua…


Ebbene, in ouverture la grassa, mammesca, mammuthesca Heather sventola (a me!) un collage d'innocenti librini. Invito il lettore violenteroso alla revisione a pazzo-uno, oppure a guardare qui, e qui, e qui, e qui, e qui. I non violenti si facciano raccontare lo spettacolo di queste ostriche copertine dai loro cani da tartufo, perché io non ne ho voglia punto. C'è pure un tomo di stenografia, da compulsare a Cape Cod (oh-oh-oh).


Continuo a visionare quella che al mondo è rivenduta quale iper-verità (*) (vedi Paranormal Activity, che peraltro apprezzo, essendomi un horror frappé di Scener ur ett äktenskap? ed Annie Hall) e, ad ogni voce e frame, sento consolidarsi nel mio intimo merlettato la perlatissima nozione che non di iper si tratta, cara, bensì di iper-iper. Sanchez e Myrick negre pedine di un disegno più grande, condannate per sempre e contratto al silenzio pieno e all'elogio vuoto, finché morte non le separi.

(*) Qui non ho proprio la più fallica idea di che cavolo sto dicendo.

EDIT: Sì che ce l'ho!

RI-EDIT: Ehi, non è che per caso Paranormal Activity…? Si sa che dietro a PA c'è Spielberg e si sa pure che dietro a Stephen spesso (non sempre) c'è Stanley (qui dall'aldilà), per cui… Mo mi tocca di riguardarmelo, che palle! (Espressione ambigua che può far scaturire, nelle giovani menti alabastre dei nostri ragazzi, dubbi muschiosi sul sesso di Viviana, che rassicura: è una strafigua. Con un cervello così!)

RI-RI-EDIT: A proposito di iper e cervello, zucche, non dimenticate che il presente (non l'adesso) è un iper-testo iper cui ogni carino linkino va assecondato e compiaciuto con un grado di attenzione perlomeno di una tacca sopra lo zero. Assoluto. Ci siamo capite, zucche.


Chi ha sperimentato transvagamente l'ultimo Kubrick sa che stregoneria e blaireria (da Linda Blair) sono due delle infinite chiavi d'accesso alla matrioska di sicurezza infinita che ha nome Eyes Wide Shut. Ora, essendo io una di quelle chi, mi approssimavo alla visione piuttosto imparata, nonché sospettosa, benché ritenevo/ssi improbabile, o meglio impossibile (c'è un limite a tutto, Viviana!), una corrispondenza fra due opere LE QUALI, IN QUANTO gemelle (partorite entrambe il medesimo giorno: 7 Luglio '99), eran cresciute ciascuna all'oscuro dell'altra. Mi dicevo: "K. non può citare qualcosa che non esiste diggià, tantomeno è concepibile l'inverso. E le riprese del suo furo iniziate nel 96!". Quanto sbagliavomi… Or che mi sono ingozzata di foglia e arbusto, quella magicka data non fa che confermare quanto segue: il parto gemino non conta che una madre: Stanley Kubrick; e due patrigni hobbit abusivi: Sanchez e Myrick.


Parlano da sé le immagini, immagino (sic), sicché le coperte di sopra illuminano gli iniziati al Kulto e i cervellati: agli altri offro un neutralissimo waffer. Le trascuro, per soffermarmi un tantello su alcune fra sentenze e situazioni che TBWP dipana, a testimoniare la consanguineità con EWS.


La prima che mi viene in mente è "Vienna sausage". Heather ripensa alla salsiccia viennese, Viviana pensa al Kaiser in traumnovellese.


La seconda è "Camp". Accamparsi secondo Heather, modalità estetica secondo Viviana. Ricordo come ieri, quando, bambina, rintintin per la prima volta Susan Sontag e le sue note note note Notes on Camp. Con Jean Cocteau et…, Richard Strauss und Der Rosenkavalier, Lili Marlene and The devil is a woman, etc-etc: tutta materia di EWS-EWS. Per di più, S.S. era una lesbica marcia e…

EDIT: Faccio notave ai mammalucchi che Suso un dì compose un tal saggetto all'indirizzo di Diane Arbus (suicida barbiturica al suo di lei indirizzo: Arbus Stop, 12305 Fifth Helena Drive). E a chi si ispirò K. per le sue di lui di lei spiccicate gemelline zoccoline?… Indovinate, mammalucchi! Aiutino: ma che belle roselle…

BONUS: Rintintin!


La terza, (a) cui penso spontaneamente, è la confessione in primissimo piano lacrimato di Heather: "I'm scared to close my eyes… and scared to open them…". Lapalissbucodelculo!


La quarta (sono tutta eccitata) vede i tre porcellini zampettare allegri all'alba verso sud per ritrovarsi attoniti al tramonto nel medesimo orticello di partenza. Al che, Viviana ripenza a "The Magic Circle" e all'andantino circolare di EWS.


La quinta è di Beethoven: ta-ta-ta-ta, ah-ah-ah-ah!


La sesta è l'aura dei faretti da camera, ovvio occhio halnovemillesco nelle tenebre color pesco, quando non candida, bowmaniana navicella spermatica (cit. Melissa). E tutte noi P. sappiamo che EWS è — nel mucchio delle cose che è — una rielaborazione fra quattro mura con taxi di 2001 OD.


La settima sono le riprese in bianco e nero Super-16 alternate al colore, e cosa dice Bill, quel Bill?: "Well, I don't think it's quite that black and white…". Questa eclissa tutte le altre, Dolly (messaggio in codice).


L'ottava. Come si chiamano i due Rosencrantz & Guildenstern (i cospiratori) al seguito di Heather (la strega)? Si chiamano Mike e Josh, mamma. Problema: "All right, we have Joe. And Joe has $2.50. And Mike has $1.75. Joe has how much more money than Mike?". Ho detto Joshhh, stronza!


La nona è il numero 7: due immaginette.


La decima sono i feticci umanoidi impiccati agli alberi, "X" antropomorfe per Kultori e incolte madame. Mo voglio vedere chi la capisce questa, Johnny.

EDIT: Mo è facile-facile, zucchine antropomorfe.


L'undicesima è un bocconcino prelibatissimo, mio signore: bambini… Faccio Grima Vermilinguo.


La dodicesima è un estratto di Josh, o Mike: "Wich wicked witch was worse… The wicked witch of the East or the wicked witch of the West?". And this is The wizard of Oz, naturally, arcinot impalcatur of EWS. Si noti come quel "w w w w w" sia sodo escremento di maestri veterani, Super-Carroll interurbani, e non viscida diarrea di ragazzotti cubo-ariani: drogati, spacciatori e ubriaconi.


La tredicesima è un altro infuso, di Mike, o Josh: "Carl Ripken is king!". King, oh-oh-oh! Questa non la spiego.

BONUS: Belle de Jour.

BONUS: Bond, James Bond.


La quattordicesima. Heather esige la bussola: "Give me the compass!". Questa è propaganda. Propaganda 2.

EDIT: Do you understand?

BONUS: Vule vu, rande vu, tumorro u?

BONUS: Hourglass Lake.

BONUS: Making progress.

BONUS: She's a bitch. Oh, yeah!


La quindicesima è l'esplicito sole che ride di dietro agl'impliciti pioppi. Vabbè, direte voi incompetenti.


La sedicesima è il nome della compagnia produttrice, Haxan Films. Cito Wiki: "The name is taken from the 1922 Swedish/Danish silent movie Häxan (The Witch)" e, aggiunge Viviana, "from the 1937 German/German silent producer Jan Ha-rl-an, brother-in-law of Stanley Kubrick (THE Witch)".


La diciassettesima. A Heather è riservato il trattamento Alice (mamma-moglie-puttana/strega), a Mike e Josh il trattamento Bill (due-coglioni-livorosi/livorosi). Chi ha notato il gatto nero impigliato alle spalle di lei? E quello cucito sulla sua testa d'uovo? E il color e viola della di lei blusa XXXL? E di che colore è lo slime che smerda — e questo è umorismo kubrickiano — il beauty-case di Mike, o Josh? Senza contare che Heather è il precisissimo anagramma di Alice…

BONUS: La faccia tosta o non la faccia affatto!


No, non è l'anagramma di alcunché, che io sappia, but the name della Strega di Blear, Elly, suona come Alice, and the cogname, Kedward, tiene una K tanta 'ncoppa (sono campana, din-don): una montagna. Ci sarebbe tanto, tantissimo, tantissimissimissimo da dire a riguardo, capitana mia capitana! Glissons…


Diciotto. Après la saucisse de Vienna (patria della psicanalisi, nota, o lettrice), i tre porcellini porcellano di un certo Gilligan, protagonista di una certa serie tv (Gilligan's Island), così l'ovvio (per noi enciclopedie viventi) pensiero occulto è Stephen Gilligan, mastro ipnotista, padre affottuoso di Anderson Gilligan (oh-oh-oh) e attuale psicoterapeuta di Viviana. Il tema del controllo della mente, in EWS, è già stato spiattellato a GRANDISSIMOCAZZO, in rete, e non mi sento in colpa nell'affrontarlo. All'altro mondo (inteso come altro da USA) sono toccati (tu sei toccata, dice Stephen) Peter Pan, Captain Hook (she's a hooker, says Stephen) e Neverland: come dire, Pietro Uncino e la Divisione della Gioia.

BONUS: Oh-oh-oh!


♥ ↓↓↓ UPDATES ON ↓↓↓ ♥

UPDATE (08/08/2011): Diciannove. Infilo questa per amor patrio. Quale starletta al latte fu provinata nel popò sì da (rta!) far parte di Lolita von Milich? La soluzione è…


EDIT: Studiate, suini!


UPDATE (13/08/2011): Venti. Questa guanciotta rosea di fanciulla bene la pongo per amore di Gesù. E fare cifra tonda.

Ad un certo punto nello spazio-tempo, sub-orgia e precisamente qui, di traverso alla schiena velata di Bill ammicca, nebuloso, l'occhio virile di Horus (sgamo approvato dall'associazione medici occultisti, quindi non rompete). Nel frattempo Viviana, sorbendo tè Star dall'ammica plebea col vizio delle stelle, apprende di un'incerta nebulosa: la famigerata Engraved (che non vuol dire "incinta", tonta) Hourglass Nebula, ignota ai più per essere una perfetta quanto naturale (ma chi può dire cosa sia naturale oggi, gente?) raffigurazione della o del Vesica Piscis. Sulla via del ritorno, Viviana associa l'Hourglass Nebula all'Hourglass Lake, arcinota località balneare per stelline, ma è soltanto a ritorno compiuto che V. viene al punto.

Ringrazio l'amica plebea d'avermi mostrato: "La vescica piscia!". Squirt-squirt… No, l'occhio no!… Sì, sono ampollosa.

BONUS: Paranormal Corollary!

And less than six inches from me and my burning life, was nebulous Lolita!



UPDATE (18/08/2011): Ventuno. Perché di gesù e cifre tonte IO me ne sbatto.
È risaputo che nello Ziegler's cesso, su una cornice al cromo di doccia VHS, campeggi, nel reflo di un riflesso, la macrozucca di un microfonista. Tal zucca un dì fu obliata da un concilio di superzucche (sabotatori!), sicché la doccia BLU (e precedente) susseguente ne sperse la traccia. Tuttavia, Viviana ha potuto visionare il cesso delle origini (essendo che essa è in possesso dell'originalissima viaccaesse) e vi assicura che qui esser deve mai sempre la zucca: usate l'immaginazione e vedrete l'assurda testina riflettere (non la vostra, zucche!). Grazie ad IO, il K. previdente ne incise un'altra (stavolta una testa di mic, oh-oh-oh) su tre lampade verde cipresso dello Ziegler's bigliardo; ossia qui, qui o qui. La domanda: perché tanto attaccamento al microfono e ai suoi lacchè da parte di K.? Tra i tanti perché che IO mi sono rimbalzata, per questo: si dà il caso che EWS spartisca tnt con To catch a cat, sorry, To catch a thief, ed è che The Hitch esegue l'insuperato bat-cameo (oh-oh-oh, non lì, æbete, qui). Ebbene, in TBWP, l'addetto al DAT (Mike o Josh) cos'è se non un boreman, pardon, boesmans, sorry, bousman, pardon, bowman, sorry, boorman, pardon, boom man, il quale — per il sol fato d'essere, visibile col suo attrezzo — rimandi alla pletora di omologhi "reali" "acchiappati" dall' "occhio" implacabile "della" cinepersa? Il quale, in quella pletora, per vie gatto-streghesche, segnali alla lettrice volpina (IO) la consonanza del proprio microuniverso coi rispettivi omologhi del capopòlavoro hitchcockiano e, di riflesso, kubrickiano (o viceversa, o insieme)? Il quale, smarrita la via retta, peschi nei boschi la sua (di K.) M for Murder, sorry, V for Vendetta? Riflettete, zucche.
U tenente Columbia denuncia cca un pugnetto di goof (consultare u dizionario) spudorati: "Essi sono una pletora omologa, signorina Viviana." (La longa manus di K., come una mafia gentile, posavasi su tutta la terra di mezzo: chi osava sì dire di… STOP?)

BONUS: Je sais que mes sentiments son confus.

EDIT: Stavi pensando, Viviana: magari il "concilio di superzucche" obbedì a una precisa direttiva del Führer K.. Invero, il microfono è un felice simbolo fallico, riconosciuto dalle masse analfabete quanto dalle singolarità erudite, il suo servo assurgendo — in tal caso più che mai propriamente — ad inconscio officiante di mist'oscena metafora. Ne consegue che l'impetuoso velo rosa-azzurro cali sulla microfonica macrozucca simbolica (correggimi se sbaglio) non a obliare il misfatto — l'errore più o meno desiato —, quanto, piuttosto, a confondersi in esso ed oliare, o meglio lubrificare (alle nostre cervella scabrose), evidenziandoli (poiché atto censorio e perciò seducente), una perturbazione dell' Id, un mostro dell' Es. Esattamente, mein Doktor.

BONUS: I M db.

EDIT: Allora ebeti, o meglio zucche, avete cliccato lì (c'è un lì linkato lassù)? Avete scorso (participio passato di Montecarlo [EDIT: Se fosse in Corsica]) i regali nomi? Immagino di no… Fatelo allora, zucche, o meglio, ebeti (sono harrabbyata). C'è un Donahue che vi attende laggiù. Donahue?… Dove l'avete già sentito?

BONUS: Zero, one, two, three, four, fiveBUGGED!!!


UPDATE (20/08/2011): Ventidue. Accantonato TBWP un attimino, sottolineo qui (qui) le affinità di EWS col cine d'Hitch, onde tirare acqua al soprastante mulino (punto ventugo). Prendiamo Vertigo. Un segmento fondamentale del film di Kubrick (la confessione di Ziegler) sembra indiscutibilmente rifarsi, nella sostanza e nella forma, alla sequenza in cui Tom Helmor [il marito di Madle(i)ne — Kim Novak] si confessa con James Stewart pregandola di pedinare la moglie. La sequenza è, in maniera impressionante, la copia di quella hitchcockiana. Ripassiamola velocemente. In Vertigo Tom Helmor chiama James Stewart per confessargli alcune stranezze della moglie e chiedergli, in qualità di ex compagno di scuola ed ex poliziotto, di pedonarla. Questa bellissima sequenza porta inconfondibilmente il segno del regista che, attraverso un particolare processo linguistico, manifesta l'intento di mettere in abisso sin da subito la struttura narrativa (tra l'altro non poteva che essere questo il momento della consueta passerella-firma di Hitchcock). Una rappresentazione nella rappresentazione si fa strada dichiarandosi quindi in tutto il suo statuto di finzione nella finzione. Sappiamo in realtà (in retrospettiva, logicamente) che la confessione di Helmor è pura invenzione, uno stratagemma per intascarsi e godersi indisturbato i soldi dell'eredità della moglie, e questo Hitchcock si guarda bene dal nasconderlo veramente. Anzi…

Davvero ben detto, Viviana. Finarmende te sei 'mbarada a scrive'.

Grazie, Simo. Chioso con la sequenza in oggetto in persona. Pronti?… VER… TI… GO!


UP! (25/08/2011): Ventitrè. Mia u, mi au, mia u, mia u, mi au, mia u, miau, miau, mia u, mia u, mi au, mia miau, mia u, mia u, mia u. Miau! U, mia u, mia u, mia u. Miau! Mi a u, mia u, mia u, mi au a u a u au, mi. Mi a u, mia u, mia u, mi au a u a u au, mi a u, mia u, mia u, mia u, mi a u a u a u a u a u a u a u, mia u, mia u, mia u, mi a u a u a u a u a u a u au, mi au. Miau! Mi au, mi au. Miau! Mia u, au, mi au, mia mia u, mia u, u, mi mi au, mia u, au, mi au, mia mia u, mia u, mi au, au. U, mi au, mia au.


UPDATE (26/08/2011): Ventiquattro. Dove faccio brillare un corollario (*) d'eccezione (poi due), probabilmente noto ai più, probabilmente noto a lui, sicuramente ignoto alla Rete. Perdìo, Ella se ne fotte! Nerd e pseudonerd scervellati l'appestano coi loro pettegolezzi, coi loro pregiudizi scekerati, e sproloqui autoegotici, con rece e pseudorece (rroby esclusi) da tre soldi. Madre, coraggio…

(*) Un corollario è, per Viviana, un escremento della mente, concepito in parte o intero in funzione di EWS.

La mia professione fuori orario mi 'stringe nei week-end a fare l'alba, indi, stanca morta a casa, mi stracco sul sofà a gustare cartoni (Violetta spera così rimuover gli osceni ricordi). Alle 7, su Rai 2, un giorno, i Gargoyles. Mai sentiti. Déjà-vu de La Belle et la Bête… Viviana tiene (din-don) gli occhi aperti a stento, ma è alle orecchie — sempre tese, bau-bau — ch'ella od'echeggiare il verso sboccato degli "Illuminati": (voi storcete il naso) Vivi rizza le antenne e va a dormire. La volta dopo è la volta di "Cat People", quella poi di "The sentinel"… Vi, due borse così, si fionda sul pc: 78 stronzissimi episodi, che se dovessi guardarli tutti meriterei (a ragion veduta) la congiuntivite al lapalissiano buco del culo di cui sopra (punto tre), ma mi basta sbirciare i titoli e le stronze, stronzissime e incoerenti sinossi per divorare l'orribile foglia di f. a guardia dell'abominevole segreto di m.. Vi risparmio la lista, a condizione che voi, mammalucchi, non vi risparmiate e tosto schizziate a consultarla, succhiandone, come ingorde/i liceali nel fiore dell'età dell'innocenza, il nettare salino (il sale della conoscenza!). Eppure, mi pare che io vi veda: la bistecca sugli occhi e l'insalata per cappello; mi pare che io vi senta: "È una mera coincidenza, Viviana. Un coup de foudre del caso…". Mammalucchi!!

Trascorro il week-end ingobbita, peggio che l'onanista di Notre-Dame, a visionare per voi qualche campione sospetto: "Metamorphosis", "The Mirror", "Eye of the Beholder", "The Hound of Ulster", "Mark of the Panther", "The Green", "Sentinel" e… e alla fine mi sento Shirley Holmes, un secondo prima di urlare: "Catso (**), Watson!".

(**) Cazzo.

Chi è dunque il Grima Vermilinguo davanti al Saruman di dietro a codesto crogiuolo garguoyle di tracce e retrotracce, ché tutte (a condizione d'esser Kultrici/ori) conducono ai cuori di EWS? Il suo nome è Donna Rosa, Viviana. No, Wiseman, o meglio, Weisman: Greg Weisman. Lo cerco. Lo trovo: Ask Greg. Perdìo, non funziona! Chiuso per ferie o rio fato?… Dovrommi dunque covare in seno, qual serpe cleopatrina, codesto ardente segreto per sempre? Giammai! Lo spiatto qui. E così…

Hi, Greg. No ceremonies, Greg. I'm sure that Stanley Kubrick was involved in the Gargoyles production, Greg. Don't say "NO!", Greg. There are too many hints in G that point straightly to Eyes Wide Shut and I don't believe in coincidences (not of that kind), Greg. So my question is without an answer, I guess, Greg. The question is… you know, Greg.

E ora viene il bello (and now comes the bell). Di tutte le "cretinissime" serie che ammorbano l'etero e il cave, quale va a supervisionare, nel postumo 2004, lo svergognatissimo Greg? Indovinate… A voi l'onore della scoperta.

Potrei evaporare segnali fumosi all'Elisabeth Gnome (temo tuttavia che Eli sia l'ennesima inconscia pedina, forse anche Greg) e chiedere se il suo fu puro genio o induzione ipnotica — la volta che visitò da sola il Regno Unito delle Fate — e… ci rinuncio. Al solito, riceverei in pegno l'incavo due d'un picche, o l'asso iperconvesso del fesso "Non-ricordo", indi… vaffan-culo.

EDIT: Mi accorgo solo adesso (7 Settembre) che il link alla voce "consultarla" è errato. Piuttosto che correggerlo sottobanco e privarvi del gusto di stigmatizzare la mia dabbenaggine, lo pongo di seguito quale monito a me stessa: "Fa' più attenzione la prossima volta, Viviana". Ora vado a trovare la mia dottora, il catalogo è questo.

EDIT: Dio mio, il mio inglese fa pena (anche l'italiano, Greg). How did he contact you? Questa, sì, è una domanda! Col tam-tam, scema. Thanks in advance (sic). No, è che se faccio la stronza nemmeno mi cagano. Se ho imparato qualcosa navigando, è questa: quanto più fai la brava (la cogliona) tanto più attizzi l'ego pseudocristiano del tuo interlocutore (il gran coglione): sopraffato dalla compassione pseudo, non ti lesina una bella cagata a spruzzo (sono una ragazza volgare, ma di buona famiglia; una pietra miliare della mitologia domestica). Ora The Question (1917) è in attesa di approvazione. Speriamo bene, zucche. Fremo tutta. EDIT: Il dentista ha approvato, ma, sen fotterà: "What r u talkin' 'bout, Viv?". EDIT: Ecco. Ovviamente mente. A voi, zucche. A me, dice: "La Disney c'è dentro fino al collo, Vivi…".


UPDATE (31/08/2011): Venticinque. Ho riflettuto tanto se postare o 'no 'sto up, zucche, perché è troppo, troppo, troppo rivelatore (più del cuore nero di Edgar Leelee Master Poe). Alla fine, al culmine di una scureggina sottofondista, mi sono detta: vabbè, che mangino pure 'sta foglia, 'ste zucche scimunite. Al limite mi troverò un altro hobby, o un lavoro. Quindi, tenetevi forte… zucche!

Ho sempre vagolato (che bella parola fuori contesto) il sospetto che Mediaset abbia stato creata (BIIIP!) all'uno scopo (di) costituirsi postumo corollario per EWS. Le ragioni: un mezzo sette nel nick, un palinsesto diabolico, un massone (*) punto (**) a capo. Ieri ieri l'altro, quel sospetto, come un tardivo turd very very british di cui si… vagoli nel profondo l'universal composizione (a mo' di buco nero visceral), s'è condensato in brillante oscura certezza da ultimo retto. Essendo io l'ultima retta sulla Terra (una specie di incorruttibile Capitana Harloschkaya), quel sospetto certezza lo la rilascio qui a fermentare — prima di partire (destinazione: oltre l'infinito) —, sotto una campana di vetro di P.M. (***), tra due collinette asimmetriche (chi indovina il perché vince una S. (****) montagna) di merda. Scusate, sono affetta da un'eco di coprolalia siderale: "Oui, je suis Copro Liala: mon royaume pour un aviateur!" PRRAAA! (scourège).

(Non è finita, zucche: il sopra era solo il prologo.) L'altro l'altro ieri, infatti, su Canale V, alle zéro et c…

(*) Macigno. (**) Delle dimensioni di un black hole. (***) Piero Manzoni. (****) Scordatelo.

EDIT: Qui netto di fatto il buco di Repubblica (B. Lugosi is dead!). Se mi capisco.

POESIA:
L'ape operaia

Eccoli ,
di Leelee Lee gioielli!
Non sono forse belli?
Belli. E la carriera?
Di gigli è un corollare!
Ahhh… [in levare]
Ed è subito sera.

EDIT: Ehi, non è che per caso il Dr. Mulholland…?


UPDATE (06/09/2011): Ventisei. Quei cervelloni zombie zoticonie del Rosa Fumetto Fan Club hanno sfornato una pagina (68!) che è un vero capolavoro (involontario, zucche). In un'ottica zaissuaidsciattesca, naturally.

Just for Kultors, or better: FOR FANS ONLY.


EDIT: E se non fosse Kulo, zucche? E se i cervelloni avessero un cervello?… Impossibile!

UPDATE (09/09/2011): Ventisette e ventotto. Oggi mi sento un po' così, come in balìa d'una furiosa pioggia di ferrite, e un magnete in bocca e un ombrello in culo. E non lo dico giusto per aderire a un plausibile ritratto di signora — come fanno le altre —, no!, lo dico perché è vero.

E dentro, che ferite!

Zucche, che cazzo devo fare con voi?! Presto mi costringerete all'incongruo gesto inconsulto: in cima al Colosseo a bestemmiare Dio, la Madonna e gli angeli in coro; a scioperare la fame, la sete e il sesso annuale; a incatenarmi nuda sotto gli occhi rossi di Montecitorio, le piaghe ai polsi, caviglie e girovita; ad inzupparmi tutta — quale sexy biscottina glacé — nel proustiano gasoline edulcorato, onde dar fuoco a questa pelle lucida di ceralacca, giù per le cosce seriche la liquefatta cacca, mentre mi piscio sangue e mi biascico il mantra di noi giovani Jeannes de Guermantes: Noblesse Hopeless No S.O.S.. Io, che a Voi ho consacrato tutta me stessa e me altra. Ah! non mi vedrete mai più!

BONUS: Mai più!


UPDATE (12/09/2011): Ventinove. Lettera aperta a una nullità.

Caro Nes,
hai ripensato al caso TBWP? Lo vogliamo imbastire questo sKoop, o no? Le vacanze si sono esaurite e viene ora il tempo di specchiarci in noi stessi e di riflettere. Dobbiamo forse lasciare lanciare questa bomba mediatica agli americani, agli inglesi, ai francesi, ai portoghesi, ai cubani? (No, i cubani no!) Se non mi aiuti Tu a far saltare per aria il tappo asincrono dell'omertà, del silenzio mafioso, dell'ignoranza compiaciuta, dell'arroganza scimunita, chi altri?… Eduardo e Daniel aspettano sol noi per confessare: aiutiamoli a scrollarsi di dosso questo immane peso cadavere. E poi, non sarebbe bellissimo smontare sul nascere l'imminente TBWP3?, costringerli all'aborto al capolinea? Se non al conservatore — diciamo pure al reazionario —, mi rivolgo al progressista che certo è in te. Impediamo che l'ombra e la tenebra calino sulla Verità come un sipario strappato, lacerato, raschiato via (forever) dall'empio demone della trascuratezza. Pensaci, Nes. Baci.

tua V


Sono fatti così: la libreria che stràripa di saggi a tema, la bocca piena di gadget e insurrezioni 16:9, la mente che è una fucina 24:24 d'idee e… E non capiscono niente!!! THE KUBRICKIANS. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Io neppure.

EDIT: Basta! Liberiamoci una volta per tutte di questi osceni parassiti. Apponi una X HERE, zucca.

BONUS: I killed the cat!


UPDATE (01/10/2011): Trenta.

Now, with his altimeter winding down from four to three thousand feet, Dees thought: Nope, no hotel or motel for you, my friend, am I right? When you play vampire, you're like Frank Sinatra — you do it your way. Know what I think? I think when the belly-hold of that plane opens, the first thing I'm gonna see is a shower of graveyard earth (even if it isn't, you can bet your upper incisors it will be when the story comes out), and then I'm gonna see first one leg in a pair of tuxedo pants, and then the other, because you are gonna be dressed, aren't you? Oh, dear man, I think you are gonna be dressed to the nines, dressed to kill, and the auto-winder is already on my camera, and when I see that cloak flap in the breeze —
But that was where his thoughts stopped, because that was when the flashing white lights on both runways below him went out.



EDIT: Questo gioielletto trenta carati fa pendant col ventuno, zucche.

EDIT: Sai cosa penso, Viviana? No, cosa pensi, Viviana? Penso che Stanley e Stephen facevano gli Stronzi.

EDIT: Uhm… E Bret no-o?


UPDATE (08/10/2011): Trentuno (ho fatto trenta…). Stanotte a Fuori O: Montagne del disordine e La foresta sepolta (stopendo), stop. Nel mezzo, mimetizzato nel bosco italianizzato, Hänsel und Gretel (Humberd Humberdinck). Sappi, herr Heinrich, che frau Vivi c'era. Slurp (culetto flaccido).

EDIT: À propos de Fuori O, zucche, vi siete mai chieste (da zucca a zucca) perché, da un annetto a tanta parte, nei week-end, il programma più avanzato che c'è è seguito di soppiatto da La grande vallat A? E chiedetevelo, zucche! (Io li amo questi palinsesKultori RAI, Mediaset, LaSe7en e…)

EDIT: Rete 4, Mercoledì 2 Novembre. Ore 20.30: Walker Texas Ranger - Il guerriero dell'arcobaleno (2a st.). Ore 21.10: Il collezionista d'ossa (USA 1999). Ore 23.35: Spy (USA 1996). Ore 2.25: Playing God - La vita in gioco (USA 1997). NO COMMENT.

EDIT: Rete 4, Lunedì 7 Novembre. Ore 20.30: Walker Texas Ranger - La tigre (2a st.). Ore 21.10: Nico (USA 1988). Ore 23.35: Sol Levante (USA 1993). UAU!

EDIT: Fuori O, Domenica 13 Novembre. Ore 1.50: La bambina nel pozzo (USA 1951). Ore 3.15: L'odio esplode a Dallas (USA 1962). Vivy, ti presento Harry.


EDIT: Italia 1, Venerdì 2 Dicembre. Ore 21.10: The Family Man (USA 2000). Ore 23.45: Un semplice desiderio (USA 1997). GULP!


UPDATE (10/10/2011): Trentadue. Viviana va alla guerra.

Ogni 5 secondi cannoni da assedio sventrare spazio con un accordo tam-tuuumb ammutinamento americanbeauty di 500 echi per super8 azzannarlo sminuzzarlo sparpagliarlo all'infinito nel centro di quei tam-tuuumb spiaccicati (ampiezza 50 chilometri quadrati) balzare scoppi tagli pugni batterie tiro rapido violenza ferocia regolarità questo basso grave scandere sixthsense gli strani folli agitatissimi acuti della battaglia furia affanno orecchie histoiredemarieetjulien occhi narici aperti attenti forza che finalanalysis gioia vedere reddragon udire fiutare tutto tutto taratatatata delle mitragliatrici strillare slidingdoors a perdifiato perfectmurder sotto morsi schiafffffi traak-traak frustate pic-pac-pum-tumb bug bizzzzarrie salti altezza 200 m. jennifer8 della deceived fucileria giù giù in fondo invasion all'orchestra stagni diguazzare devilinabluedress buoi buffali pungoli carri pluff plaff lolita impennarsi di cavalli flic flac zing zing sciaaack sabrina ilari nitriti iiiiiii… eyeofthebeholder scalpiccii tintinnii 3 battaglioni bulgari in marcia croooc-craaac thecraft sciumi maritza o casper karvavena croooc-craaac countryofmyskull grida delgli ufficiali sbataccccchiare come piatttti d'otttttone pan di qua batman paack di là jack cing tart buuum cing ghost ciak ciaciaciaciaciaak su giù là là intorno in alto attenzione sulla testa thegame ciaack bello bewitched vampe vampe vampe vanillasky (faaaaacile) vampe vampe vampe vampe ribalta basicinstinct dei forti die- vampe vampe -tro quel fumo sciukri pascià comunica telefonicamente con 27 radiokiller forti in turco in tedesco allò ibrahim rudolf rubycairo allò allò attori ruoli echi suggeritori scenari di fumo storefronthitchcock foreste applausi odore di fieno fango sterco themanintheironmask non sento più thesentinel i miei piedi gelati odore di salnitro odore di marcio timmmpani shiningthrough flauti thebadge clarini dovunque basso alto always uccelli cinguettare beatitudine blessthechild ombrie cip-cip-cip brezza verde mandre manhattanbynumbers don-dan-don-din-bèèè doloresclaiborne tam-tumb-tumb thesaint tumb-tumb-tumb-tumb-tumb-tumb orchestra unamourdesorcière pazzi bastonare professori d'orchestra questi manchuriancandidate bastonatissimi suooooonare suooooonare graaaaandi fragori thedevil'sown non cancellare precisare ritttttagliandoli rumori più piccoli minutisssssssimi rottami di echi regardinghenry nel teatro ampiezza 300 chilometri quadri drtandthewomen fiumi mrjones maritza tungia sdraiati monti ròdopi ritti requiemforadream alture palchi conspiracytheory logione 2000 shrapnels sbracciarsi esplodere fazzoletti bianchissimi pieni d'oro tumb-tumb 2000 granate protese strappare con schianti contact capigliature tenebre zang-tumb-zang-tuuum tuuumb orchesta dei rumori di guerra gonfiarsi sotto una nota di thesilenceofthelambs silenzio tenuta nell'alto cielo pallone sferico dorato sorvegliare tiri parco aerostatico kadi-keuy k-pax.

EDIT: I primi che mi albergano in mente (oh, testa…), la cresta di un iceberg alla menta. Le donne e i bambini si salvino i primi! I marinetti tutti giù nella stiva con Viviana, una peste di Capitana: scocca ora l'ora de l'orgia definitiva.


UPDATE (11/10/2011): Trentadue e mezzo. Questa non è pedrofilia. Ah! se voi zucche solo sapeste…



UPDATE (15/10/2011): Trentadue e tre quarti. Stanotte, nel cuore della, m'è venuto in testa — in forma di sogno platinette — un update stupefacente: su Aleister Crowley, Alastair Campbell, The Ghost Writer, Tony Blair, la stregazza omonima e l'omonimo ditino indice uncino di Danny Shining. All'odioso risveglio, tutto si è come congelato (nel freezer sotterraneo della mente). Di quel capolavoro, alla temperatura ambiente, non è rimasto niente. Solo le coordinate di sopra. Così, ho pensato: pensateci voi, zucche. Ricostruite il pensiero ibernato di una cornuta, algida gènia. Se siete capaci!


UPDATE (20/10/2011): Trentadue e sette ottavini. Oh-oh-oh, zucche. E basta.


BONUS: THE RING!!!


UPDATE (21/10/2011): Trentatrè! Temo siamo arrivate all'ultimo update, zucche. L'ultimo atto. Zucche. La vostra Casperiina dell'Opera, la vostra Bellafighetta del Louvre, ne ha pieni i cosidddetti. Sfrigola già abbastanza carne sul fuoco fatuo della conoscenza e non c'è motivo, o ragione, d'immolare al buzzurro spiedone del sapere cazzuto purè le biglie di quest'arguta bad girl (1931). Come diceva non ricordo chi, quale dessert di un Peter Pan che non ricordo come: "Le mie palline!…". Povero bimbo, le avea perdute tutte nell'isla che non c'è e infine tutte le ritrovava, povero stronzo, nell'isla che non ci sta, a circa seimilaesette sirenette in fila per due (di sbieco) sopra (*) la Danimarca; mentre io — duplice Ofelia in miniatura, incontinente nel continente inconsistente — farcivo delle mie doppie lacrime di baby coccodrillo (tic-tic-tic…) la giacca a scacchi dello zio mandrillo: "Vieni al dunque, Vivi: vieni al cine?…", vai al cine, vacci tu!!! (è allora che tutto originò, mais je divague…)

(*) Avevo 0 in geografia e condotta. (EDIT: E 10 in italiano.)


Di che si cianciava? Ah, sì… The Blair Witch Project vs Eyes Wide Shut. Vabbè, ragazzucche, a questo punto avrete già capito (c'è un limite a todo, Viviana!). Supponiamo che io vi dica che tutto quello che v'è capitato di leggere sin qui — i corollari, le dritte di Vivi, il suo sacrificarsi per voi con iper-Harlan, lesbo-Heather o coi Gargoyle — supponete che vi dica che tutto questo è stata una messinscena, che si è trattato di una specie di sciarada, che è stata una finta, un cazzo di FAKE (non masticate cazzi e vivianese ma inglese eccome, sì?). Ebbene, zucche, se esisteste, foste sintonizzate su Tel@Viv e aveste il dono della preveggenza oracolare, potreste replicare: "Ste! Quale cazzo di fake finisce con qualcuno che muore davvero?!". This, pumpkins… Sic transit gloria mundi.


Del resto (potete tenerlo), sono troppo pigra o troppo persa o troppo piercing (il penultimo mi ha quasi uccisa) e il presente — l'adesso! —, in questo frangente ultimo della mia doppia vita flagrante, mi procura le stesse tam-tam vibrazioni che in prospettiva mi vedo contenere, da spettatrice accuorta, all'imminente Apocalisse: zero vibrazioni. No vibrations. Vedete, è una questione di trita buona educazione nonché buon gusto trito tutti d'un pezzo: fingere di non sentire ciò che non si sente. Una maschera di niente su niente (e scusate il cliché mazzantino). Nel frattempo (pre-apocalypto) e nondimeno, in barba al Dio Distruggitore (prêt-à-porter), auspico la fine del mondo, lo sfascio delle galassie, l'annichilazione dell'universo plurimo e del nulla lirico, il disfacimento degli argentei alogenuri, l'assottigliamento dei pigmenti duraturi: possiate tutti riposare in pace. Ora! Quanto a Viviana, fiduciosa nella vostra redenzione (da zucche qualunque a zucche specializzate), passa e… socchiude. Non si sa mai. Zucche.

Oimè! che giocando un volano, troppo respinto all'assalto, non più ridiscese dall'alto dei rami d'un ippocastano!

EDIT: Una stilla di psicologia inversa…


UP! (31/10/2011): TANTI AUGURI!!!


UPDATE (07/11/2011): Petit cadeau.


BONUS: Cra-cra.

UPDATE (10/11/2011): E così, zucche, pure l'Amata Povera Patria (all'occhiello di un baratro bello) ha i suoi bei Sanchez e Myrick all'… (indovinello). Forza Italy! Per quanto, mi pare che il Sanchez sia alquanto all'oscuro… Se penso che a stanarli bastommi guatare il prommo antoniano (oro zecchino per zucche del Queerino) e una dailymoscia metroclippolitana (ma basta! e avanza il titolo, eco di un Pitt and the Pendulum d'annata), mi dico: "Vivi, sei una gènia dannata!". Punto e daccapo. Poro (*) citrullo d'un pubblico medio — che per il solito il medio l'ha su per il cullo —, quasi l'invidio: caverà poesia di rape e infanzia senile laddove io estrarrò (prossimamente, se Iddio lo vuole) livide luci e ombre adulterine. E sapete chi ha colpa, zucchine? Malick il Maligno! Lo stesso Terence che un day non lontano vide in Viviana una languida Candy per i suoi lindi-leccati dandy. Ma questa è un'altra history of violence. O histoire d' O.

(*) Povero.

EDIT: Kevin, uomo di latta di “oziana” memoria… E coproduce Rambo! (Impazzisco lentamente.)

BONUS: Amen…

BONUS: OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! (continua)

BONUS: OH! OH! OH! OH! OH! OH! OH! MY EYES CLOSE…

BONUS You cunt, I'm not a queer!

EDIT: Mi sono fatta una chattata con LRNZ: è stato stupendo. Insomma, è very simpa e simpamente se l'è tirata di qua e di là, ma tra un qua e un là m'ha infilato (Apuleio a parte, in ouverture, tanto per citarmi) un Infascelli, Alex regista (a suo dire) d'un fantasmatico documentar su K., che, mi confessa il Lore in chattoso epilolgo, fu solo balla per rompere il ghiaccio — in testa a Vivi — e più o meno testare la di lei coglionaggine (appropositamente, la conversazione si chiude postuma, con lui che le dà di vero uomo, senza neppure rammaricarsi (*): vabbè, perdonato, non sei mica il primo che se n'approfitta). Infascelli, dunque… Lo stesso Infame Shelley de Borgata, poeta di questo e di quest'altro? e questo e quest'ancora, e quest'infine che conduce a questo??… Morale: non fate a Vivi quel che Vivi s'illude di fare a voi. Insomma, per me la sua è una confessione mimetica à la Vivienne (da bella Doktoressa Frankenstein, ho creato dei mostri) traducentesi in: Viviana, io la so lunga lunga, tu sei scema scema, io sono del ramo cinèfico e con esso biforcuto a minkia ti prendo in kulo che manco te n'accorgi. Ma la Storia insegna: non si può inculare un'incubatrice di inculate. Insomma (tre!), Lore, posso considerarlo un sì?

(*) [18/11/2011 5.41.16] Lorenzo Ceccotti: ao dimenticavo. le storie su kubrick e infascelli sono (quasi) tutte cazzate. mi serviva un rompighiaccio. sono anche giunto alla conclusione che tu sia un uomo. ma non me ne rammarico. non te ne rammaricare. Me ne fotto, grazie. Sarebbe da postarla tutta 'sta conversation, zucche, perché è troppo, troppo divertente. Cinque ore di Inquisition Vivianesque, ché Mel B. a confronto mi fa una sega maiuscola musicale (meglio: un ditale). Che poi, come ci arrivi a una conclusione quando da mo s'è smarrito un principio…? Sì, ti perdono, Lore, a condizione che nei commenti l'implori, il prosaico. In tutte le lingue romanze.

APPENDICE: [18/11/2011 4.45.28] Bella Fighetta: ruby è l'assassino di un kennedy. E no, Bella, Jack ha fatto fuori Lee Harvey Oswald. Lee, Harvey, Oswald.

APPENDICE'S APPENDICE: Bla e bla. E bla.

BONUS: TU QUOQUE, BRUTUS, SON OF A BITCH.


UPDATE (25/11/2011): Ieri, Rete 4, Dillinger è morto. Ora è in paradiso. Non piangere, zucca.

EDIT: Non trovate tutto ciò terribilmente offensivo, zucche? Perfino da ortaggi scimuniti, quali siete, dovreste possedere un briciolo d'orgoglio, un'oncia d'amor proprio, e alimentare in voi — dritto dritto dalle dritte di Viviana (La Grande) — una scintilla d'odio e di ripulsa, un moto di ribellione allonsenfants. In ultimo vi commuovete, voi ortaggi ostaggi dei vostri grigi autolavaggi, e imperlate di preziose lacrime kleenex preziosi, mentre i Mann e supertruppa, nell'ordine: trangugiano brioche, sghignazzano alle vostre spalle, percorrono per converso il vostro civico senso unico di levità (come dire, la via della merda, eccetera eccetera). Come dite? Non è la prima volta che lo prendete in quel posto? E vi piace! Contente voi… Per quanto ci riguarda (me e il mio culetto rosa di bambina), c'è una sola parola: GHI-GLIO-TTI-NA!

BONUS: Usate l'immaginazione, zucche. Vai colla dissolvenza, Vivi!


BONUS: Non so se mi ho spiegata, zucche.

BONUS: (Zucche,) Oggi mi sento… kafkiana.


R.I.P.: Non piangere, zucca.


UPDATE (09/12/2011): Buondì, zucche! Ma non è sempre buono… Da qualche tempo mi corico presto la sera. A volte, appena spento l'abat-jour, gli occhi mi si chiudono così in fretta che nemmeno ho il tempo di dire a me stessa: "Vaffanculo, zucche!". E, una mezz'ora più tardi, il pensiero che è tempo di cercar sonno mi ridesta. E così me ne sto, spesso fino al mattino, a pensare… E penso alla mia mamma e penso al mio papà. E penso che da sempre — ahimè, fine prima parte — partecipare del piccolo nucleo, del piccolo gruppo, del piccolo clan dei Boccionero, abbia esigito (?) la resa ad una condizione sufficiente eppur necessaria: bisognava aderire tacitamente a un Credo (bello…): che "Viviana, quanto a cervello, sbaraglia l'Einstein!". Sic. Lo sapete, zucche, io non sono il tipo fishing for compliments, eppure, quando lui (un lui, tutt'altro che tacito) aderì al Credo e a me insieme — il suo tuxedo nnero contro il mio nude vedo-e-non-vedo —, mi sono sentita io una pesciolina smarrita. Me tapina… Se penso che ho sciupato anni di vita, che ho voluto morire, che ho avuto il mio più grande amore, per un uomo che neppure mi piaceva, che non era il mio tipo! Fine seconda parte! E, dietro quei muscoli turgidi e quei ritti capelli a spazzola, che nome assurdo… E così guadagniamo l'agognata terza parte, zucche: "Nomi di persone: IL NOME".

Adjani, Isabelle
Angel, Vanessa Madeline
Archer, Anne
Artinis, Frenk (ha due occhi così)
Bartolini, Miriam (lei sta alla cassa, oh-oh-oh)
Basinger, Kim
Bassett, Angela
Bates, Kathy
Béart, Emmanuelle
Beckinsale, Kate
Bel Geddes, Barbara
Bel, Fagor
Bel, Fast (ringrazio Alberto, Angela e Ulisse)
Bel, Zebù (uh-uh-uh)
Bell, Ashley
Bell, Catherine
Bell, Drake
Bell, Emma
Bell, Fiona
Bell, Jamie
Bell, Jocelyn (questa te la cerchi, zucca)
Bell, Kristen
Bell, Marshall
Bell, Mike
Bell, Nicholas
Bell, Nicholas R.
Bell, Nick
Bell, Steve (cita o coro?)
Bell, Steve (stevpendo)
Bell, Tobin
Bell, Tom
Bell, Vanessa
Bell, William Brent
Bell, Zoe
Bella, Rachael
Belle, Camilla
Belmont, Lara
Belushi, Jules & Jim
Berg, Peter
Berkley, Elizabeth (ex showgirl)
Berry, Halle (questo è stupendo)
Bird, Brad
Blair, Isla
Blair, Linda
Blair, Selma
Blanchett, Cate
Boesmans, Philippe
Boorman, John
Boreman, Linda
Bousman, Darren Lynn
Bowie, David (ha due occhi così così)
Bowman, Natalie
Bowman, Rob
Bynes, Amanda
Camp, Brandon
Campbell, Bruce
Campbell, Carolyn
Campbell, Catherine
Campbell Rodman, Charles
Campbell, Colin
Campbell, Cooper
Campbell, Desmond
Campbell, Joseph (questo te lo cerchi, zucca)
Campbell, Lacy Katherine
Campbell, Katherine R. (infermiera)
Campbell, Martin
Campbell, Neve
Campbell, Jessica Martin (attore)
Capshaw, Kate
Castro, J. Omar
Cates, Phoebe
Cattrall, Kim
Cosby, Bill
Center, Kathy Rose
Ciccone, Louise Veronica (una volta mi ha vista)
Cotillard, Marion
Christensen, Hayden
Crawford, Cindy
Crawford, Joan
Crawford, Thomas (ceci n'existe pas)
Cro(w)sby, Bing
Crow, Sheryl
Crowe, Cameron
Crowe, Malcolm (this doesn't exist)
Crowe, Russell
Crowley, Aleister (questo è un baule)
Crowley, David L.
Crowley, Gary
Cuthbert, Elisha
Curtis, Jamie Lee
Cruz, Penelope
Cruz, Tomás (oh-oh-oh)
D'angelo, Beverly
Davis, Sammi (questo è una lei, bianca, cuoca; specialità: Ken Russell alla giudia)
Donahue, Heather
Donohoe, Amanda
Dunsamore, Rosemary
Duryea, Dan
Eginton, Madison (l'helefante)
Ellis, David R.
Ellis, Greg
Ellis, Greg (fu percosso da piccino)
Ellison, David
Evans, Lee
Fairbank-Hynes, Amanda
Fiennes, Ralph
Ford, Harrison
Fox, Celestia
Fox, Emilia
Fox, Michael J.
Fox, Samantha
Foxter, Jodie (oh-oh-oh)
Foxx, Jamie (esaggerato)
Garfield, Andrew
Godzik "Godzilla", Gregory
Gunness, Belle
Gurwitch, Annabelle
Hackford, Taylor
Hart, Veronica (aka Kathryn Stanleigh)
Harvey, Dana (c'è un refuso, Vivi)
Harvey, Nicole
Hathaway, Anne
Heigl, Katherine
Hepburn, Katharine
Hilton, Paris
Holmes, John
Holmes, Katie
Hook, Peter
Hooks, Ed
Huppert, Isabelle
Hurley, Elizabeth
Jolie, Angelina (ah, mo mi spiego perché questa fa cinema)
Keitel, Harvey
Kennedy, Mimi
Kennedy, Myles
Kidman, Nicole
Kubrick, Christiane
Kubrick, Katharina
Lario, Veronica
La Rosa, Johnny
La Rosa, Raymond
Lear, Amanda
Lee, Ang
Lee, Annabel (oh-oh-oh)
Lee, Brandon (e Bruce?)
Lee, Christopher
Lee, Stan (qui sono blasfema)
Lee Jones, Tommy
Leigh, Jennifer Jason
Lowell Boccionero, Henrietta
Luxemburg, Rosa
MacDowell, Andie
Maggi, Maddalena (Forza Italia!)
Martinez, Amanda
McGowan, Rose (tremate, tremate…)
Milano, Alyssa (le streghe son tornate!)
Milland, Ray
Moore, Mandy
Morrison, Campbell
Moss, Kate (she knows her Rodneys from her Stanleys)
Myrick, Daniel (ass onanza)
Newman, Paul (aveva due occhi così)
Nicholson, Jack (vabbè, ma questi matusa che c'entrano?)
Nightingale, Arthur
Nitzsche, Bernard Alfred "Jack"
O, Karen
O'Connor, Renée
O'Maonlai, Colm
Oldman, Gary
Oswald, Gerd
Oz, Frank
Palance, Jack
Parks, Rosa
Paradis, Vanessa
Penrose, Roger
Perlman, Ron
Perry, Katy (l'avvogatta)
Pook, Jocelyn
Portman, Natalie
Radford, Michael
Ray, Billy
Ray Cyrus, Billy (ma allora anche Miley, se la matematica non è un'opinione)
Ray King, Amanda (BINGO!)
Redford, Robert
Ricci, Christina
Richards, Burton (questo ha fatto un film solo, però bruttissimo)
Roos, Don
Rose, Axl
Rosas, Louis E.
Rose, Bernard
Rose, Ian
Rose, Laurie (aka Misty[c River] Dawn)
Rose, Louise
Roselius, John
Rosenberg, Alan
Rosen, Nathan (di questo ce n'è due, e solo uno fa cinema [una volta])
Ross, Atticus
Ross, Gary
Ross, Hugh
Ross, Jonathan
Ross, Lee
Rossellini, Isabella
Rossi Stuart, Kim
Rossum, Emmy
Roxburgh, Richard
Ruby, Harry
Schull, Amanda
Scott, Campbell
Seuss Geisel, Theodor (aka Rosetta Stone aka Sharon Stone)
Sevens, Ruby Catherine
Seyfried, Amanda
Shue, Elisabeth
Sobieski, Leelee
Spears, Britney
Spider (oh-oh-oh), James
Stone, Emma
Stowe, Madeleine
Superman (oh-oh-oh)
Taylor, Elizabeth (ha due occhi così)
Tergesen, Lee
Thompson, Emma
Toklas, Alice B.
Turner, Kathleen
Van Dien, Casper
Wayne Gacy, John
Watson, Emily
Watson, Emma
Winslet, Kate
Witherspoon, Reese (Rosa Ridens)
Wilder, Gene
Woolf, Virginia
Zeta-Jones, Catherine
Zombie, Rob
Eccetera, Eccetera

Una poesia, una poesia davvero!

BONUS: Cassandra Nightingale!

BONUS: It's all true! Uhm…


UPDATE (14/12/2011): Zucche! Anzi, no… RAPE!


BONUS: Stan!

BONUS: Paint it black.

UPDATE (17/12/2011): Lo so, non c'entra un cazzo, zucche, ma a un certo punto chi se ne strafotte. Tanto non capite una nerchia minchia comunque. E sempre vaffanculo. EDIT: Scusate, le parolacce mi fanno sentire viva.

Non vedo l'ora di volare a Parigi e gustarmi l'evento sciocco di queste tre pupazze retrofuturiste (che amo alla follia). Alla facciaccia vostra (, zucche).


EDIT: Due video nel giro di una settimana… Ma come fanno?!


UPDATE (31/12/2011): È la fine, zucche, ossia il principio, e io più mi guardo allo specchio e più mi sembro la Padmé Amidala in vena di zucchero. Da elargire, zucche. Vengo a darvi la buona nuova a dadini e la speranza a zollette. 1) La zuccaggine non è irreversibile. Perfino tu, zucca trilobita, puoi cavarti dal tunnel zuccoso della vacuità scimunita e assaporare un giorno il nettare sugoso di un pensiero tuo intelligente, di una verità altra lumescente, che la tua naturale impermeabilità — per dura scorza di ortaggio fossilizzato, di oltraggio legalizzato — ti ha sin qui lesinato (negato!). 2) Il primo passo verso la luce cade nel riconoscimento del proprio status di pietà, onde rinascimento, indi fammi eco: "Io sono una zucca… Io sono una zucca. Io sono una zucca!". 3) Fatto? Si-ì? E tale restera-i! (c'hai creduto, c'hai creduto, faccia di Val Lewton)


A meno che, zucca, non trasformi il mood tuo snobbettone, all'indirizzo di Vivy, e immantinente parti a rimeditarti nel fungimento del di lei pensiero. Perora limiteremci al caso EWS, più in là imparerai ad applicare il vivipensamento all'esistenza tutta. Cominciamo subito col fissare dei paletti vanhelsing e segnare (da brave ortolane positive) il confine che sposa e divorzia corollari e citazioni. Per citazione intendiamo (anzi, intendo), care zucche negative, (innanzitutto l'oggetto della medesima, poi) qualsivoglia opera ingegnosa cascante a picco nella fumosa trama aisuaidsciattesca, dalle mille e mille maglie blu Mesmer, senza che — nella prima — sopisca alcuna premeditazione, predeterminazione, predetermeditazione, o vocazione vergognosa. Ovviamellogicamente, un corollario è l'esatto contrario. Ad un tratto, questo è una citazione e questo è un corollario. Questo una citazione, questo un corollario. Questo citazione (o rimando o random o pipa), questo corollario. Citazione, corollario. Cita, coro. Ciccì e coccò con la figlia del dottore. E questo? E questo? E questo?… Ebbene sì, zucche: ci sta una zona grigia, brizzolata, una "interzona" fumigata, per cui neppure Viviana "La Maravigliosa", Viviana "La Supercalifragilistichespiralidosa", conosce il percome. Mettiamola così (così il Dottor Doe aprì un giorno una mail storica [per lui] al mio indirizzo, dandomi poi, per strada, di fascinoso incidente… sic): se le citazioni sono bianche e i corollari neri, il confine è un grigio topo degradante (per Viviana).


Diggià scordate le citazioni (innumerevolissime), zucche, concentriamo i nostri donde psichici sui corollari (altrettantissimi, zucche). Conformemente alla teoria della zona grigia (The Gray Zone Theory) e formalmente riluttanti (me) nell'applicare a K. quella natura sovrumana tale che, sopravvissuto a 2001 e supercomprato Traumnovelle (©), tosto (egli) si sia incarognito a "corollare" — cioè dar da cagar corolle a fidati amichetti alati per sua interposta persona, in ragione del molto di là da venire (*) Eyes Wide Shut (EWS) —, I feel di poter affermare che The Corollary Operation (TCO) originò più o meno… da qui a… trent'anni fa (due volte dissi venti: ero modista [EDIT: lì dentro {al di là del link al di qua di questo fottio di ulteriori parentesi} avrei dovuto scrivere "fate coming out!" e non "fate outing!", e non ci dormo la notte, zucche] e ottimista). Sarei pronta a giurare, dal più profondo dei miei fondi e fecondi recessi (di miss credente, oh-oh-oh), che 9 settimane e ½ fu corollario intiero (oh-oh-oh, e lo è tuttora), così come e pure il primo e vertiginoso Batman, burtoniano, ma hardisco spingermi in là e ivi infilar Ghostbusters, e 007 à Paris, e Mosca Bianca Cronenbourg, e Beetlejuice Beetlejuice Beetlejuice, e giù giù giù a piccoli passi, d'insekto, sprofondarmi nella spumante uggiosa zona bigia: i primi anni '80…?, gli ultimi '70…? Sì, perché i corollari anni '90 e quelli post K. (di tutti gli anni '00, e dei prossimi '10 — potete giurarci — se voi zucche non vi farete sentire) ci (mi) appaiono tant'ovvi, nella lor blanda und grossolana corollarità (fatti i saldi ai Große Meister: Lynch, Almódovar, Kieślowski, Cronenberg, Carpenter, Coppola, Roeg, Wenders, Russell, Rivette, Scorsese, Allen, Haneke, Chabrol, Boorman, Von Trier, De Palma, East Wood, Ass Ayas, Bell Occhio…), quant'orridi: assumete Ghost o Dolores Claiborne o Scream nella prima decade e The Ring o Donnie Darko o The Wrestler in seconda (da assumersi per via rektale, Doktores, la bella e vostra Autostrada del Sole). Gli anni '80, invece: più procediamo a ritroso (…), più restiamo interdekte, impietrite, inzucchite all'indietro. La mia sensazione appelle è che, in principio, allo stato nebuloso del progetto, allo stato nebuloso del progetto (**) rispondesse una bruma corollante grigiolina la quale andò mimicamente sostanziandosi al primiero consustanziarsi (insomma, zucche, all'addensarsi dell'uno, l'altra pure; siccome nebbia che si tagli col cervello). Se mai mi sbaglio (e mai mi sbaglio), è buona — garantita — l'ipotesi — tra virgolette — dei vent'anni e poco più, o, a strafare, dei poco meno e quaranta. O appena giù. Ché mi trattiene dallo sprofondare più la certezza, tutta leccata e preconcetta (e perciò selenamente prerazionale), che al K. bimbo, adolescente, giovinetto, uomo!, girasse altro per la zucca piena che seppellirsi nell'EWS a venire e da Sotterra scassarle, mettiamo a Fritz Lang, onde operare appendici ariane al kapolavoro senile (***).

(*) Certo, col senno di poi.
(**) Oui, je suis redondante, citrouilles.
(***) Certo, col senno di poi.

TO BE CON…

BONUS: La robotmamma dei cybertonti è sempre iNcinta.

BONUS: Il giorno degli zucchi.


UPDATE (26/01/2012): Intermezzo. Vediamo che dice PokerNemesis, zucche. Dio vostro, quel gioco è troppo stupendo! E io non lo conoscevo… Ma dove vivi, Vivi?

EDIT: Non dice niente, zucche. Neppure "Welcome, Vivian!", zucche. Uhm… E se non esistessi, zucche? No, esisto, zucche. E se fossi una mera emanazione, zucche?, uno spettro? No, lo escludo categoricamente, zucche. Uhm… Forse dovrei rivedere le mie modalità d'approccio alle zucche, zucche, oppure ingaggiare un'ambasciatrice zucca o una zucca pr. Vabbè, non sa cosa si perde, il pokerino. Il poverino. Zucche.

EDIT: Ehi, non funziona più. Uhm…

EDIT: Mo rifunziona, zucche. Pausa. Non riesco proprio a scrollarmi di dosso questo mio modo da "cazzara" (mo che mi rileggo dopo tanto, e in una lingua che praticamente mi è aliena, me ne rendo conto). Pur nel barbarico idioma britannico, persiste quel velato retrogusto di viviana (*) paraculaggine. Boh, sarà per questo che nobody mi caga?

(*) Aggettivo.


UPDATE (06/02/2012): Intermezzo.



EDIT: Non so voi, zucche, ma a me quando la Clara si disfa dell'immonda zia (immondizia, zucche) viene in testa un aborto. Un ictus, zucche. Succede, quando hai una mamma per amica.

BONUS: Victor Victoria

UPDATE (09/02/2012): Intermezzo.


BONUS: Por que fazemos isso?


UPDATE (11/02/2012): Intermezzo, zucche. Stanotte a Fuori O mi sono assorbita (oh-oh-oh) l'ennesimo corollario: Chelsea on the Rocks, di Abel Ferrara. Mary, 'R Xmas, New Rose Hotel, The Addiction, Dangerous Game, Body Snatchers, King of New York, ETC. Si direbbe che tutta la porca vita filmica di Abel si sia avviluppata sotto il segno di EWS (e infatti… Mo mi spiego perché Enrico se lo coccola tanto)… Dio, anzi no: Dumbo, non ho mai visto una corolla più odiosa. Quanta boria pseudo F for fake, e che merdosi dentazzi! Abel, vaffanculo! Dumbo, quanto schifo mi fai… È umanità siffatta (sì strafatta) che pungola la Robespierre che covo. (Chissà se Stanley [Bard] fu consapevolsenziente quando se l'incularon. Porello…)

Vabbuò, se volete gustare l'ebbrezza di soffocare in gola una formula abusata — "Che tenerezza…!" —, guardate Fuori O. Ora vado a fare la valigia: domani è il gran giorno: l'evento nous portera. Neve permettendo.

EDIT: Qui faccio la Vivi tutta d'un pezzo. Baciami, Kate!

BONUS: Is that perfectly clear?


UPDATE (15/02/2012): È stato stupendo, zucche. E che sfarzo al Moulin Rouge! No, davvero, forse un tantino minimal, ma chissene… E neppure un bisse… Ma chisse!?!

BONUS: La lettre o public.

BONUS: Je suis Buoniste, tendance Momo!

BONUS: Stupende.

BONUS: NOLIFE.


UPDATE (24/02/2012): Zucche.



UPDATE (27/02/2012): Zum-zum, Capitan Harlock! Zuc-zuc, Capitan Harford!


BONUS: Slim Darko!

BONUS: Suc-suc, Capitan Orlok!

BONUS: Zoom-zoom, Capitan Oxford!


UPDATE (29/02/2012): Fatti, zucche & non-parole.


BONUS: Vivi, tu ti fai le canne!

BONUS: Ring a Bell?

BONUS: Non piangere, zucca. (encore)

BONUS: W la Rosetta!


UPDATE (02/03/2012): Zucche.



BONUS: Una sintesi.


UPDATE (04/03/2012): You're simply ELEPHANT!!!



BONUS: Burn…

BONUS: Darrin's Coconut ASS!!!

EDIT: La Cura alfin diè frutto, zucchette belle, e più rimiromi nel vago specchio delle mie vane brame braille e men mi riconosco. Non son più io! Altro non restami che avvelenare un' di voi e… azzannarla. Yeah, Madame Turing c'est moi! (Isabeau Santacruz)

EDIT: Zucche, se afferrate perché l'update presente è il pendant del precedente, siete degli ortaggi da collezione.

BONUS: Wiki con il morto.


UPDATE (07/03/2012): Zucche.



BONUS: Never a doctor.

BONUS: The Elephant Man.

BONUS: The walk.

BONUS: PBC!

BONUS: Il texano dagli occhi di ghiaccio.


UPDATE (09/03/2012): Sono criptica, zucche.


BONUS: Ouch!

EDIT: Se abdico a me stessa e guardo a questo update con attitudine tutta zucchesca, zucche, la prima cosa che mi viene in mente (certamente) è che qui si ciancia di culi e violazione di culi, magari da parte di una qualche non meglio identificata entità orco-vampiresca. E invece no, zucca (a moi même)! Cioè, un pochino sì…


BONUS: Steve-O!


UPDATE (11/03/2012): Per non dimenticare.

Polly

Sono innamorata persa di Miyabi, zucche (non la vostra orrenda Maria O., orride ortagge onaniste: no!). Sono cotta! Sono stracotta. È talmente vergognosamente scandalosamente spudoratamente oltraggiosamente nonché atrocemente… svamp.

EDIT: Din-Don Soubirous Battista Je suis Duchampiste Capitano mio Capitano Le dimensioni contano Ma con giudizio Un bel dì vedremo OMG E qui? Mettiamoci una croce Pederasta senza coglioni! Finocchio! Ma dove ho la testa?! Il sonno dei giusti (Sì! Sono blasfema con la mia Idol!)

BONUS: Din-Don…

EDIT: Qui è divina, zucche. L'au-delà de lo svamp.


UPDATE (12/03/2012): Ieri ascoltavo La donna senz'ombra, zucche, su Radio 3 (perché io valgo), e mentre ascolto mi faccio un pensiero. Pensavo: "Che prodigioso capolavoro è l'ultimo K. (nel senso: EWS). Con quanta superiore grazia gelata vibra nel core de l'Opra tutta straussiana (Vivi, contieniti): dal Cavaliere della Rosa a Salomè, da Elettra a Capriccio, da Elena egizia a Intermezzo, da Arianna a Nasso a Arianna a cazzo (oh-oh-oh), da Arabella a La donna Peter Pan [vedi sopra]". E che prodigioso capolavoro sono io, ripenso adesso, che (ieri) afferro le consonanze de La suddetta con L'oro del Reno, o con Sigfrido, e percepisco nel canyon fondo del Maestro l'eco bizantina del Janáček, il majale. Lo stesso Jan di Volpe astuta, Katia Kabanova, Caso Makropulos, Casa di morti?… Sì. A capo. Vuoi riflettere, zucca? Vai giù di Buono!, Berryz, ℃-ute. Vuoi divertirti? Sparati Richard.

BONUS: Sono l'antizucca.

BONUS: A cazzo.

BONUS: Da Metamorfosi a Morte e trasfigurazione

BONUS: REVOLUTION!

BONUS: Stupende.


UPDATE (14/03/2012): Mi nombre es Iñigo Montoya, zucche.


BONUS: THE BLACKLIST.

BONUS: Stan!

BONUS: Dennis!


UPDATE (15/03/2012): Mi nombre es Iñigo Montoya. A voi nessuno chiede il bis, zucche!



BONUS: Le bergmanmerendine rock di Stanley.

BONUS: The Banks Conspiracy.


UPDATE (16/03/2012): Mi nombre es… ma vaffanculo!


BONUS: It's for you, Peter…

BONUS: Jeanny!

BONUS: L'oro di Napoli (un po' più a sud, zucche).

EDIT: Milos Format ("Rossacher" è stupendo ↓↓↓).


ULTIMO UPDATE: HIER!
C'era una voce dentro di me che mi diceva: Taglialo! Taglialo! (Vivian B.)

♥ ↑↑↑ UPDATES OFF ↑↑↑ ♥

Ultima-non-ultima, Rasputin (anagramma di Rustin Parr, fonte Wiki). Mi fa prudere nel cervelletto un sospetto di Anastasia Romanov(a). Nata nel 1901, stecchita era tutta blu (fonte Rue Morgue). Uhm… quel suspicion si fa un j'accuse: Rasputin, Anastasia, Communism, McCarthy, Witch-Hunting, BUM!


Mi fermo qui, care, perché soltanto adesso m'accorgo quanto (how much ?), a blaterar cosine così a vanvera, si finisca col dire troppo e male, e ciò sarebbe un peccato per EWS e il suo segreto, che tuttavia sconosco. Chiudo con una nota lieta su registi e location (just for Kultors). Perché Myrick e Sanchez (sempre che non si tratti di fantasmi)? L'opzione Myrick è fin troppo ovvia (Milich/Kubrick, povera Kat/harina), d'altro canto Sanchez lampeggia per le sue origini cubane (Fidelio). Perché Burkittsville? Maybe because tra i fondatori figura un certo Henry Burkitt, maybe because sita nel Maryland. Mary und Henry sottolineati, oh-oh-oh.


Dunque, che cosa ricaviamo da questa timida, insulsa, immonda frittatina vivianesca? Che The Blair Witch Project, se non diretto e girato, è stato scritto e montato da Stanley Kubrick (che perciò è morto). Che The Blair Witch Project è il (IL) corollario (*) di Eyes Wide Shut e, come tale, va guardato in funzione di quest'ultimo (o viceversa?). Che le due gemelle speculari si sono portate via il Maeshhhtro (à l'Enfer!), per sempre e sempre e sempre. Forse.

(*) E non è l'unico, a mio avviso (EDIT: Oh-oh-oh). Quando ripenso a Jack (1996), mi dico (alla Joan Nash) che Francis ha fatto un favore a Stanley. Per non parlare di The Sixth Sense, che…

EDIT: Ho appena rivistuto Il Dr. T e le donne e… ho ricevuto un'illuminata che… non vi dico. Totti scimuniti.


Già vi vedo, scrutare fra le fronde oscure nella foresta oscura, alla ricerca della ghignante, oscura silhouette di S.: "Oh, my God! What the fuck is that?".


Mi raccomando, fate girare la voce — e che Wiki faccia finalmente il suo dovere! —, senza scordar di citare la Vostra Musa preferita (cioè me, Bwana). Domani in prima su Repubblica voglio leggere: "Kubrick porco bugiardo smascherato da Viviana la escort" (EDIT: Ah, nostalgia).


QUI, QUO e QUA, scissa, una sintesi (leggermente porno, bada, o lettrice) dello scisso Kapolavoro.

EDIT: Ai pornomani incalliti — voi senz'altro — segnalo Le Sperchicche: Lolly, Dolly e Molly. Ci andava pazzo, Lui. Just for Kultors.


VIVIANA IGNORATA: RRoby Wiky Elvy
VIVIANA INCOMPRESA: nessuno2001 ("Fa anche abbastanza ridere che EWS e Blair Witch Project abbiano cose in comune", OH-OH-OH)
Smyslov
("http://www.youtube.com/watch?v=QwhYkB2fTDI")
VIVIANA SABOTATA: ManiCoMio
VIVIANA SIMULATRICE: i400calci Mel P. EyesWideCiak
VIVIANA CAZZIATA: SuperWiki (Sottolacqua?… Uhm… Un amichetto di Frodo?)


COMMENTS MAKE ME PLAYFUL



32 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. rifletto su Lapalissbucodelculo! :P

    RispondiElimina
  4. Solo per questo (La quinta è di Beethoven: ta-ta-ta-ta, ah-ah-ah-ah!) c'è da gioire della tua bella scrittura. Eh sì già, una gènia! - come ti proclamasti (a ragione, non scherzo) in una mirabile poesia che ora non vedo più (ricordo solo un "Lauri" e "Proxima Centauri", ahimè!)

    Ammirato, Ezra

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Non costringermi a ignorarti, Ale. Adesso so cosa prova RRoby...

    RispondiElimina
  7. SERIAMENTE NO! Sono certa che a K. piacerebbe così com'è.

    Non mi sembra il momento più appropriato per contattare Polidoro...

    Ehi Ale, dammi un indirizzo buono per Sanchez & Myrick: Heather non mi ha cac/gata e Rosencrantz and Guildenstern are dead.

    Mo apro una pagina su Facebook: "Kubrick Story, Aspettando Basaglia".


    P.S.
    Sai chi dovrei contattare, Ale? (No, chi?) Quelli di Fuori Orario. Loro la sanno lunghissima su EWS e forse sono già saputi anche su questa oscura faccenda hobbit. Solo che io voglio diventare ricca e famosa e abbronzarmi il popò a Malibù, e non mi va di spartire il malloppo con quella pallida am(o)eba occhialuta chiamata enrico ghezzi.

    P.P.S.
    Altra roba in arrivo, state sintonizzati!

    RispondiElimina
  8. Prendere per il culo? Io?! Non so neppure come si fa...

    BIS
    Non mi sembra il momento più appropriato per contattare Polidoro...

    Sì, sono fantastica.

    RispondiElimina
  9. Ale, non abbandonarmi proprio adesso che ho aperto La Dependance. Io sarò la tua Lady Chatterley: Connie la connaisseuse. (Suona come "conno", qualcuno l'ha mai notato? Presumo di sì. Del resto, lei è un gran bel pezzo di cristiana F., lui dice.)

    No, davvero, aiutami a profondere un tono paludato e serio - maschio! - almeno alla pagina di FB. Io la farei rosa feto, anzi, viola traviata a roselline...


    P.S.
    Tutto ciò assume sempre più le sembianze di un dolorosissimo aborto. Amen.

    RispondiElimina
  10. Ale, questa è strage. Non avevano neanche due mesi... Erode!

    Esercizio per le zucche: ricavate le domande dalle risposte.

    RispondiElimina
  11. Non si capisce un caxxo di come scrivi!!!!

    RispondiElimina
  12. Fa' uno sforzetto, zuxxa. Ne vale la pena!!!!

    RispondiElimina
  13. può anche essere plausibile tutto ciò che sostieni, però forse sarebbe il caso che mettessi da parte ogni sforzo atto a sottolineare il tuo ego-centrismo in favore di una più chiara visione del tutto.

    RispondiElimina
  14. Nessuno sforzo, caro: sono egocentrica naturale. Piuttosto, fanne tu uno e trasforma quel "Può anche essere plausibile" in un "Quanto hai ragione, Viviana...".

    RispondiElimina
  15. non sarebbe uno uno sforzo, sarebbe una bugia. Comunque è un peccato che passi più tempo ad elemosinare visulizzazioni delle tue elucubrazioni in giro per i blog invece di dedicarti ad una più concreta ricerca, magari ampliando il discorso cercando di farti capire meglio (perchè se non ti interessasse farti capire e conoscere non avresti un blog pubblico, ma un diario sotto al letto). Sei una malata di mente ed in quanto tale puoi scoprire cose che ad altri non è concesso vedere, quindi non perdere tempo in marketing

    RispondiElimina
  16. Carino l'anonimo. Ehi, vuoi essere il mio agente?

    C'è un solo blog cui concedo la mia inestimabile elemosina (poiché sono io a farne, senza riceverne), con poche sporadiche eccezioni, dovute al capriccio del momento e alla mia smisurata, perenne generosità. Sì, sono malata, come un dì fu malata Maria, o Maddalena.

    RispondiElimina
  17. inestimabile? lo credi davvero? buon per te

    RispondiElimina
  18. Ti rispondo subito.
    Se mai ti ho perculato, l'ho fatto per puro amor di non venire meno alle danze che mi hai cortesemente concesso. Lungi da me il volerti mettere a disagio o voler sottolineare una tua inadeguatezza, cosa peraltro lontana dal vero in maniera più assoluta. Anzi. Ti ringrazio ancora della paziente e attenta diesamina della questione quella li, che proprio non la capivo.

    RispondiElimina
  19. Tranquillo, Renzo, qui non è Lucia. Tutt'al più Gertrude, detta Gerty "The Dark Side Of The Nun". Chiedi e ti sarà dato (Matteo 7, 7 - 11).

    RispondiElimina