lunedì 16 settembre 2013

E BENEDETTO È IL FLUFF DEL SENNO TUO



Oh radiosa Maria delle Grazie infartuata, te ne prego, aiutami Tu. A… che… fare?… A scongiurare il reale, a sgusciare, incolume colombella e implume, da tanto incongruo ovetto pasquale (glassato a pupù), dove, chioccia impudica, da me m'ho incartata. Sorpresa a parte.


semper Tua fedelissima,
Viviana

PS
Scusa, stavolta i capezzoli rischio e li tengo, in foto (addio, censura preventiva): fanno parte del discorso, toccarli chi osa?

PPS
In quel "te" la t va maiuscola?


EDIT:
Hanno osato (chi?!). Ecco, adesso qui! è un CAPOLAVORO, eh.