martedì 20 agosto 2013

HAPPY ME

Come ritenne opportuno asserire, un dì di doglie al DAMS, il mio maestro di Comunicazione Fantasma (detto "l'Aviere Tera-Tera", cui mando il riflesso, forse un po' sbiadito, di quell'identico, endemico affetto che la figlia operosa riverbera sul padre operaio, la sorella bianco-latte spande sul fratellino biondo-cenere, la nipotina edenica spreme sullo zio adenoideo, ecc.): "Essi non si rentono condo di quando, così facento, essi amblifigano il mio già scmisurato eco". Più o meno, zucchette. Stande l'ego che, nella mende, mi rimpalza.